Our Events

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Porti Aperti, Permesso di soggiorno per tutti e tutte

21/11/2019 alle 19:00 - 20:30

Giovedi 21 novembre ore 19-20.30 in via Imbonati 29 nel piazzale in cui si trova la torre occupata dai migranti nel 2010 per protestare contro la sanatoria truffa.

Continuano i presidi organizzati dal gruppo di persone e associazioni che nel luglio 2019 ha dato vita all’iniziativa “Porti Aperti, salvare vite non è un reato” in via Mercanti angolo piazza Duomo.

Ora i presidi si faranno il terzo giovedì del mese in diversi luoghi di Milano e ci si concentrerà sul fatto che non basta chiedere di aprire i porti ma bisogna chiedere una legge che possa regolarizzare la situazione delle migliaia di persone immigrate che si trovano costretti a vivere in clandestinità, giacché la legge sull’immigrazione non prevede nessuna possibilità di regolarizzazione.

Scarica il volantino.

PORTI APERTI E PERMESSO DI SOGGIORNO PER TUTTI E TUTTE!

Nove anni fa, a Brescia, cinque immigrati salivano in cima ad una gru. Giorni dopo, un altro gruppo di immigrati saliva sulla torre di via Imbonati a Milano per esigere un permesso di soggiorno per tutti e tutte. La protesta voleva richiamare l’attenzione sulla condizione di migliaia di immigrati/e costretti a vivere nella clandestinità a causa dell’impossibilità di regolarizzare la propria situazione. Sono passati molti anni e nulla è cambiato!

MIGRARE: UN DIRITTO PER POCHI!

Un cittadino comunitario che non trova lavoro nel proprio paese può partire e cercare un futuro migliore altrove. Deve solo comprare un biglietto aereo. Ha il diritto di migrare. Un cittadino extracomunitario che vuole provare a lavorare in un paese dell’UE deve recarsi all’ambasciata del paese UE nel quale vuole migrare e chiedere un VISTO. Ma i visti purtroppo le ambasciate non li concedono e quindi le persone devono rischiare la vita per arrivare in Europa. A queste persone si nega il diritto a migrare.

LO STATO CONDANNA LE PERSONE ALLA CLANDESTINITÀ

Coloro che riescono ad arrivare in Europa hanno un’unica possibilità per regolarizzare la propria posizione: presentare domanda di protezione internazionale. Non esiste altro. L’unico canale regolare che permetteva l’ingresso di lavoratori extracomunitari, il cosiddetto decreto flussi, da oltre 10 anni non esiste più. E ciò nonostante l’Italia abbia bisogno di lavoratori. Oggi, sono migliaia i/le migranti che hanno ricevuto il diniego del diritto alla protezione internazionale e si trovano in una condizione di irregolarità. Sono persone che avevano un lavoro ma che a causa del diniego lo hanno perso e ora devono lavorare in nero, quindi in condizioni di maggiore ricatto. E anche se i loro datori di lavoro volessero assumerli non possono farlo perché la legge sull’immigrazione non lo permette!

PERMESSO DI SOGGIORNO SUBITO!

Un paese in cui i/le migranti sono costretti a vivere in “clandestinità” e a lavorare in nero, è un paese con meno diritti per tutti, anche per gli “autoctoni”. I/le migranti non sono colpevoli di dover svendere il proprio lavoro. Colpevole è il governo che non permette loro regolarizzarsi e così facendo favorisce padroni e padroncini.

 

FACCIAMO APPELLO:

  • Ai e alle migranti che hanno ricevuto il diniego dalla commissione territoriale, a coloro che sono in attesa del ricorso o il cui ricorso è stato respinto.
  • Ai e alle migranti che, dopo l’abolizione del permesso umanitario, hanno ottenuto un permesso per “casi speciali” il cui rinnovo dipende dalla discrezionalità di questure e prefetture.
  • A coloro che non riescono a convertire il permesso umanitario in permesso per lavoro, a rinnovare il permesso di soggiorno o ottenere la carta di soggiorno, perché non hanno un reddito sufficiente o perché non vivono in case dalla metratura adeguata.
  • A coloro che dopo molti anni continuano a imbattersi in ostacoli burocratici per ottenere la cittadinanza, ai loro figli che anche se sono nati e cresciuti in questo paese non sono ancora cittadini.
  • Agli italiani e italiane che non vogliono vivere in un paese nel quale imperino razzismo e discriminazione.

DOBBIAMO UNIRCI E LOTTARE INSIEME PER ESIGERE DAL GOVERNO:

  • canali regolari di ingresso affinché le persone non debbano rischiare la vita;
  • abolizione della legge Bossi-Fini che ha condannato i migranti al ricatto permanente istituendo il contratto di soggiorno;
  • una legge che permetta ai/alle migranti di uscire dalla clandestinità e permettere loro di lavorare alla luce del sole e con diritti!

Prossimi eventi

  1. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Novembre alle 0:00
  2. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    4 Novembre alle 18:30 - 19:30
  3. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Dicembre alle 0:00
  4. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    2 Dicembre alle 18:30 - 19:30

Dettagli

Data:
21/11/2019
Ora:
19:00 - 20:30
Categoria Evento:
Tag Evento:
, ,

Luogo

Via Imbonati 29
Via Imbonati 29
Milano,
+ Google Maps