Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un pensionato gestito dalle suore. In Italia ho dei parenti ma non ho molti contatti con loro.

 

Prima del virus la mia vita era normale, lavoravo come colf e babysitter. Uscivo con le mie amiche che abitano con me al pensionato e fanno lavori simili al mio; andavamo qualche volta fuori assieme. Non sono una ragazza a cui piace uscire molto, sono piuttosto una ragazza alla quale piace stare a casa. Ora invece ho voglia di uscire!

 

Nel lavoro che avevo prima che iniziassi quest’emergenza non andavo molto d’accordo con la mamma del mio datore di lavoro, litigavamo sempre, non era tutto perfetto. Stavo lì perché avevo bisogno di lavorare anche se a volte mi trattavano male, ma sappiamo che per noi stranieri è così purtroppo. Quel lavoro poi è finito. In Italia ci sono persone che ti trattano male, ti guardano male per il colore della pelle o solo perché sei straniera. Ci sono anche delle brave persone ma si fa fatica a trovarle.

 

L’unica cosa che mi dispiace adesso, e che mi fa stare male, è che ora non posso lavorare e io sono venuta in Italia per quello. Con questa emergenza non ho potuto cercare un altro lavoro e non so quando potrò averne uno nuovo.

 

Una cosa positiva di questa situazione è che ho fatto più amicizia con le amiche che abitano con me, siamo più unite, questo virus ci ha fatto riflettere, è una esperienza nuova che ci ha aiutato a capire certe cose, quello che non apprezzavo prima lo apprezzo di più adesso.

 

In questo momento sono preoccupata perché ogni mese devo pagare una retta di 250 euro, anche se per fortuna le suore non insistono a chiederci di pagare. Ci hanno detto che quando riprenderemo a lavorare pagheremo. Quindi per adesso non ho urgente bisogno di soldi, sono fortunata ad aver trovato questa casa, le suore ci danno anche da mangiare.

 

Nessuna persona vicino a me è stata contagiata e sinceramente non conosco la procedura da seguire nel caso fossi contagiata. Comunque credo che il governo abbia fatto bene a chiudere tutti gli uffici e i servizi proprio per evitare i contagi. Io non ho mai avuto bisogno di utilizzare l’autocertificazione per spostarmi perché non ci è permesso uscire dalla struttura, sono le suore le incaricate ad uscire se abbiamo bisogno di qualcosa. Quando finirà questa quarantena, da un lato sarò contenta perché potrò uscire a cercare lavoro, ma dall’altro mi preoccupa prendere il virus, contagiarmi, perché il virus non è sparito.

 

Io ho un permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Stavo per presentare la richiesta di carta di soggiorno ma non ci sono riuscita e sono preoccupata perché non so quando potrò farla se tutto resta chiuso.

Ho sentito parlare di aiuti da parte dello Stato ma io non sono cittadina italiana e penso che questi aiuti sono solo per gli italiani. Purtroppo non ho nessun punto di riferimento dove andare ad informarmi sui miei diritti.

 

Nel mio paese la situazione è veramente brutta, c’è gente che muore ogni giorno e non ci sono le attrezzature necessarie per curare le persone. Il nostro presidente non si fa sentire, il livello di povertà è cresciuto: ad esempio i venditori ambulanti informali non possono più lavorare. Io mi sento male per loro e mi considero fortunata perché almeno ho un piatto di pasta o di riso da mangiare. Invece nel mio paese non c’è neanche questo e la gente piange. È una situazione bruttissima!

 

Fortunatamente i miei familiari stanno bene e continuano a lavorare con tutte le misure di protezione necessarie ma per gli altri non è così e questo mi intristisce.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Sono Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che iniziasse...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito in...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere