Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Gianni

Mi chiamo Gianni, vengo dalla Turchia e vivo in Italia da due anni.

Sono venuto in Italia per amore e adesso vivo a Roma con mia moglie. Lavoro da un po’ di tempo in una piccola azienda come responsabile delle vendite e gestisco il mio lavoro principalmente con la comunicazione via telefono o internet con chiamate a clienti sparsi in tutto il mondo.

Siccome il mio lavoro non richiede che io sia fisicamente in sede è stato facile per la mia azienda farmi lavorare da casa. Durante il lockdown ho mantenuto lo stesso contratto ma ho lavorato solo tre giorni alla settimana. Per fortuna la mia azienda ha continuato a pagarmi regolarmente, anche prima di ricevere i soldi del governo, in modo che io non avessi difficoltà. Questa è stata davvero una bella cosa.

Sono due le cose che sono davvero cambiate sul lavoro. La prima riguarda i miei viaggi. Essendo responsabile delle esportazioni io viaggiavo moltissimo per andare alle fiere a conoscere clienti nei vari paesi. Quest’anno però sono state tutte cancellate. La seconda riguarda il tipo di prodotti di cui abbiamo iniziato ad occuparci durante la pandemia. Noi abbiamo sempre venduto prodotti di bellezza ma adesso per mantenere il flusso di cassa in azienda siamo passati a prodotti nel settore della sanificazione. Il mio contratto di lavoro scade a breve ma non sono preoccupato perché, parlando con il mio capo, mi sembra che sia contento del lavoro che svolgo e ho l’impressione che vorrà tenermi. Io e mia moglie non abbiamo avuto problemi economici a causa del lockdown e nel caso avessimo bisogno di qualcosa sapremmo a chi rivolgerci, come per esempio al sindacato del mio settore.

Avendo un permesso di soggiorno per lungo periodo, non mi sono preoccupato dei documenti durante il lockdown e ho anche sentito che c’è stata un’estensione per tutti i permessi fino alla fine di agosto. Non ho sentito di nessuno che avesse dei problemi con i documenti però, all’interno della comunità, alcuni amici di amici che hanno fatto domanda come rifugiati politici adesso sono in un limbo perché, avendo fatto ricorso contro il respingimento delle loro domande, si sono visti spostare al prossimo anno i loro casi. È una brutta situazione.

Durante il lockdown uscivo di casa solo per fare la spesa e un po’ di sport vicino a casa, magari qualche giro in bicicletta. Sono sempre uscito con le autocertificazioni. All’inizio non avevo paura della polizia, ma piano piano ho sentito che si sentiva superiori ai cittadini e ho iniziato a provare malessere per il fatto che andasse in giro a controllare le persone. Una volta sono addirittura scappato senza ragione: ero seduto su una panchina tranquillo e un poliziotto si è fermato, io sono saltato sulla mia bicicletta e me ne sono andato in fretta! Dentro di me c’è questa cosa per cui devo allontanarmi dalla polizia, non mi piace la presenza della polizia e il fatto che vadano in giro a controllare, anche se lo fanno con una motivazione.

Penso che il problema sia l’interpretazione delle regole che ci sono per cui ad un certo punto non si sa dove sia il limite e sento che potrei essere fermato e controllato senza alcuna ragione. Io vengo da un paese, la Turchia, controllato dalla polizia e la situazione del lockdown mi ha ricordato quella che c’è là. Non mi fido in generale dalla polizia, del loro stile di vita, del modo di vedere il mondo e… so che non si dovrebbe generalizzare, ci sono sicuramente dei poliziotti bravi, ma sento che le persone dovrebbero essere libere. In aggiunta qui, io ho la barriera linguistica perché non parlo l’italiano. Non so come mi potrebbero trattare…. Questo rende la situazione ancora più difficile, mi fa sentire inferiore e genera il doppio della frustrazione.

I membri della famiglia del mio capo hanno preso il virus ma sono sopravvissuti. Anche nella famiglia di mia moglie un lontano zio, con cui non abbiamo molti rapporti, l’ha preso e purtroppo, essendo molto anziano, è morto mentre sua moglie adesso è in ospedale. Io non ho paura di prendere il virus e nel caso lo prendessi mi rivolgerei al mio medico di base o chiamerei i numeri che ci sono. Inoltre, mia moglie lavora in ospedale quindi non ho paura. Conosco anche l’ospedale Spallanzani perché un parente ha fatto il test lì e poi è stato ricoverato. In questa fase due mi sembra che le cose siano per lo più tornate normali, posso vedere i miei amici, tornare a lavorare in ufficio, inizio la settimana prossima! L’unica cosa è che ancora non si può andare nei ristoranti o nei bar e le persone indossano le mascherine.

Quando è scoppiata la pandemia in Turchia, io mi trovavo lì e avevo paura che potessero pensare che io avessi portato io il virus considerando che il primo caso registrato lì era di un turco proveniente dall’Italia. La situazione adesso è preoccupante, la mia famiglia vive ad Istanbul che è l’epicentro della pandemia. Lì non c’è un lockdown totale ma piuttosto un miscuglio di soluzioni, per cui alcune persone possono uscire in certe fasce orarie e altre no. I numeri stanno scendendo ma ci sono più di 1000 contagi al giorno quindi sono molto in apprensione. Da quello che sento dai media il sistema sanitario sta riuscendo a gestire la situazione e le terapie intensive non sono in affanno. Mia nonna però è in ospedale adesso per un’operazione urgente e sono preoccupato per lei ma in realtà soprattutto per i miei genitori.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gianni

Mi chiamo Gianni, vengo dalla Turchia e vivo in Italia da due anni. Sono venuto in Italia per amore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Oksana

Mi chiamo Oksana, vengo dall’Ucraina, ma sono in Italia da diciotto anni e ho la cittadinanza italiana...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana. Sono nata in Colombia. La prima volta che sono venuta in Italia è stato nel...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Raimunda

Mi chiamo Raimunda, sono peruviana e vivo in Italia da più di dieci anni. Sono venuta in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Komarosky

Mi chiamo Komarosky, e sono nato in Russia. Ho 56 anni. Sono in Italia da quasi 25 anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lucia

Mi chiamo Lucia, vengo dalla Romania e sono in Italia da 14 anni. Vivo a Roma con una signora...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giorgio

Sono Giorgio e vengo dall’Albania. Sono arrivato in Italia vent’anni fa. Vivo con mia moglie...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Kwame

Mi chiamo Kwame e vengo dal Ghana. Sono arrivato in Italia quattro anni fa per studiare all’università...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lissa

Mi chiamo Lissa, sono brasiliana e ho 27 anni. Mi sono trasferita in Italia circa 2 anni per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Wendy

Sono Wendy e vengo dal Perù. Sono arrivata in Italia una decina di anni fa per raggiungere...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Asllan

Mi chiamo Asllan e vengo dall’Albania. Ho cinquant’anni, da trenta vivo in Italia e da venti a Pavia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Diana

Sono Diana e vengo dalla Romania, ma ormai da tanti anni mi trovo in Italia per lavoro. Sono arrivata...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lupo

Mi chiamo Lupo, vengo dal Perú, abito in centro a Milano da dieci anni. La mia vita era...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Laura

Mi chiamo Laura, vengo da El Salvador. Abito a Milano da tre anni e lavoro come badante...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Celia

Mi chiamo Celia, vengo dal Perù, sono arrivata in Italia alla fine degli anni Novanta quando...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Enasha

Mi chiamo Enasha e vengo dallo Sri Lanka. Sono arrivata in Italia quasi vent’anni fa grazie a...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gardenia

Mi chiamo Gardenia, ho quasi 60 anni e vengo dall’Ecuador. Sono qui in Italia da quasi vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Speranza

Mi chiamo Speranza, sono rumena e sono arrivata in Italia a metà degli anni 2000. Faccio la...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Linda

Mi chiamo Linda, sono albanese e vivo in Lazio da più di 20 anni. Ho 46 anni e due figli poco più...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Glenda

Mi chiamo Glenda vengo da El Salvador e sono qui da quasi 5 anni. Abito a Milano con mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ernesto

Mi chiamo Ernesto, sono di El Salvador e abito a Milano da sei anni. Ho anche una figlia che abita...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Hayman

Sono Hayman. Vengo dal sud dell’Egitto, da una città non grandissima, molto più piccola...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Karim

Mi chiamo Karim, ho 35 anni e sono egiziano. Vivo in Italia da quasi quindici anni e ho sempre...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana, vengo da El Salvador, sono arrivata in Italia circa quindici anni fa per cercare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Mi chiamo Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito e...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere