Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni.

 

Questa crisi ha trasformato in modo pauroso la vita dei più deboli, specialmente di coloro che hanno già dei problemi, come è il mio caso che ho problemi respiratori cronici. Ed è il motivo per cui sono a casa dal lavoro da un po’. I miei figli pure sono a casa da un po’. Studiano tramite internet.

 

Mio marito grazie a Dio è a casa perché in pensione. Questa crisi ha messo parecchie aziende e persone, immigrate ed italiane, di qualunque colore, in una situazione drammatica. Anche gli anziani sono in difficoltà, così come tutte le persone più deboli.

 

La vita di tutti è cambiata, anzi si potrebbe dire che non abbiamo più una vita. Diciamo che non usciamo più come una volta, o meglio, usciamo ma per intervalli brevissimi, solo in giardino, per un attimo.

Comunque, la crisi COVID ha lasciato un segno che non sarà facile da dimenticare. Un segno che ci porteremo ancora per un paio di anni, come si sente dire ai telegiornali. Quindi questa situazione si prolungherà ancora per altri due anni, non sarà facile da superare, non lo sarà….

 

Nella zona dove abito non percepisco tanta tensione, le persone sono brave. Alcune persone si vede che hanno paura di avvicinare gli altri. Anch’io ho paura di avvicinare le persone che non conosco, perché non so se hanno questo virus.

Bisogna stare attenti, quando esci di casa e quando vai a fare la spesa; bisogna tenere le distanze uno dall’altro. C’è sempre paura quando esci da casa. Paura c’è. C’è davvero.

 

Rispetto al mio lavoro, non ho paura di perderlo. Lavoro in una impresa di pulizie, in ospedale. Ma sono a casa, in malattia, da inizio marzo per i miei problemi di salute. Avevo paura di essere esposta, e di rischiare il contagio. Da gennaio fino a dicembre io sento che “i fiori stanno crescendo”, mi lacrimano gli occhi ed il naso, mi manca l’aria. Data l’emergenza COVID, mi sono tutelata da sola. E quando delle persone mi hanno detto che era stato pubblicato un provvedimento che autorizzava i soggetti con malattie croniche ad avere un prolungamento della malattia sono andata dal mio medico, e l’ho chiesta.

Per l’aspetto economico. abbiamo tutti paura per il futuro. Sicuramente ci saranno maggiori difficoltà, per tutti. Non solo per noi stranieri. Non sappiamo come andremo a finire. Non sappiamo quando ricominceremo a lavorare. E noi abbiamo il mutuo da pagare. Non so cosa mi aspetta. E riprendere a lavorare con le mani e la faccia coperti è difficile per una che ha problemi respiratori come me; non è facile.

 

Non ho avuto contatto diretto con persone malate di COVID. So che per prendersi cura di una persona che si ammala, bisogna misurare la febbre per prima cosa. Se la febbre supera i 37° e ci sono sintomi come la mancanza di respiro o tosse bisogna chiamare il pronto soccorso o il 118. Se invece ti senti debole di forze, o ti gira la testa o ti manca il respiro puoi chiamare il medico di base per chiedere informazione, e lui ti dà il numero a cui puoi rivolgerti.

 

Io dovevo rinnovare il mio permesso di soggiorno, ma come tante altre persone non posso farlo perché è tutto bloccato. Inoltre, tante visite mediche sono state sospese. Dovevo fare una visita in questi giorni per i miei problemi ma mi hanno mandato un messaggio due giorni fa di rinvio della visita fino a quando l’emergenza COVID si sarà risolta, o almeno ci sarà un po’ più di calma.

 

Alcuni miei paesani che sono andati giù al mio paese d’origine, sono rimasti bloccati. Parecchi non sono potuti rientrare. Tantissimi. Ci sono anche tantissimi italiani nel mio paese che non sono più rientrati, veramente tanti.

 

Per spostarsi in città per andare al lavoro so che basta stampare il foglio oppure si può far chiamare l’azienda. Ma io sono a casa da quasi due mesi per cui non ho avuto questo problema. Io sono sempre rimasta a casa. A fare la spesa esce mio marito.

 

La chiusura delle scuole e di altri servizi è veramente una cosa pesantissima. Anche se queste misure restrittive sono state prese per aiutare le persone.

 

Prima dell’emergenza COVID uscivo come le persone normali, il sabato o due volte al mese; andavo a fare un giro, a comprare quello che volevo, a vedere gli amici. Ma ora, dover restare sempre chiusa in casa, non è facile.

Ognuno di noi deve essere forte, perché non ci vuole niente ad andare in crisi, “crisi” nel senso di paura. Tutti stiamo vivendo un incubo, un incubo da cui ti vorresti svegliare, come quando vivi un film, come se non fosse reale; invece è la realtà. Ed è molto brutto per tutti quanti non poter uscire più di casa. Anche i miei figli, vanno due minuti in giardino, cambiano aria, e poi rientrano. Così pure io: esco con loro due minuti in giardino, poi rientro. È dura!

 

Ho sentito che ci sono aiuti pubblici. Ho chiesto quelli per i figli. Sono andata sul sito per vedere se potevo applicare ma mi hanno risposto: “tuo marito è già in pensione e tu puoi andare a lavorare”. Ho sentito il mio sindacato, che mi ha confermato che non ho diritto ai sussidi. Perciò non sono più andata avanti.

 

Con la mia famiglia in Nigeria ho contatti quasi tutti i giorni. Mia mamma è al sicuro. Lì il virus ha colpito il 10% della popolazione, ma l’altro 80% soffre per la fame.

 

Vorrei aggiungere che io sarei contenta se lo stato potesse aiutare tutti quanti, non soltanto gli stranieri ma anche gli italiani. Vorrei che lo Stato aiutasse soprattutto le frange più deboli: gli anziani, i malati cronici, le aziende, tutti quanti. Vorrei avere un governo come si deve.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Celia

Mi chiamo Celia, vengo dal Perù, sono arrivata in Italia alla fine degli anni Novanta quando...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Enasha

Mi chiamo Enasha e vengo dallo Sri Lanka. Sono arrivata in Italia quasi vent’anni fa grazie a...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gardenia

Mi chiamo Gardenia, ho quasi 60 anni e vengo dall’Ecuador. Sono qui in Italia da quasi vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Speranza

Mi chiamo Speranza, sono rumena e sono arrivata in Italia a metà degli anni 2000. Faccio la...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Linda

Mi chiamo Linda, sono albanese e vivo in Lazio da più di 20 anni. Ho 46 anni e due figli poco più...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Glenda

Mi chiamo Glenda vengo da El Salvador e sono qui da quasi 5 anni. Abito a Milano con mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ernesto

Mi chiamo Ernesto, sono di El Salvador e abito a Milano da sei anni. Ho anche una figlia che abita...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Hayman

Sono Hayman. Vengo dal sud dell’Egitto, da una città non grandissima, molto più piccola...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Karim

Mi chiamo Karim, ho 35 anni e sono egiziano. Vivo in Italia da quasi quindici anni e ho sempre...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana, vengo da El Salvador, sono arrivata in Italia circa quindici anni fa per cercare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Mi chiamo Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito e...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito in...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere

Prossimi eventi

  1. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Novembre alle 0:00
  2. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    5 Novembre alle 18:30 - 19:30
  3. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Dicembre alle 0:00
  4. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    3 Dicembre alle 18:30 - 19:30