Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima, una parte è in Perù e un’altra vive qui in Italia, abbiamo radici italiane perchè la mia bisnonna era italiana. Ormai siamo qui da così tanto tempo che abbiamo tutti preso la cittadinanza italiana e almeno non dobbiamo più preoccuparci di andare in questura!

 

Quando sono arrivato in Italia, quasi vent’anni fa, ho lavorato facendo un po’ di tutto, facendo le pulizie o lavando i piatti nei ristoranti, insomma quello che capitava. Dopo qualche anno, ho iniziato a lavorare a domicilio con le persone anziane e da lì in avanti sono sempre rimasto in questo settore. Oggi lavoro come operatore socio-sanitario in una casa di riposo e ho un contratto a tempo indeterminato. Amo quello che faccio, per me è bello poter aiutare le persone che hanno bisogno, ci metto tutto il mio cuore. La struttura è vicina a dove vivo, quindi in passato sono spesso andato al lavoro in motorino. Dopo aver fatto due incidenti però, l’ho abbandonato e adesso mi sposto in bici oppure a piedi.

 

Quando è iniziata la pandemia è stato molto difficile: nella nostra struttura non c’erano le mascherine perchè dal governo non arrivavano. Io per fortuna ne avevo alcune a casa e quindi ho iniziato ad indossarle. Ma al lavoro mi chiedevano perchè la mettessi e io mi sono dovuto giustificare dicendo che avevo raffreddore e mal di gola. Mi sono dovuto proteggere da solo! Quando ho iniziato ad avere mal di testa, ho deciso di restare a casa e ho chiamato il mio medico, il quale mi ha messo in malattia per una settimana. In quei giorni poi è uscita una legge secondo cui si il tampone doveva essere fatto a tutti gli operatori e quindi non sono più potuto rientrare fino a che non me lo hanno fatto. Nel frattempo nella casa di riposo, piano piano, in maniera silenziosa, tutti gli anziani hanno iniziato a contagiarsi, uno, due, tre… i dottori hanno cominciato a trasferire i reparti e il virus si è propagato quasi in tutta la struttura.

 

Io sono stato a casa per tutto il mese di aprile e penso di aver contratto il virus in forma lieve. Non ho avuto paura perché mi sentivo bene, mangiavo e non ho mai avuto sintomi respiratori gravi. Sono rimasto un mese chiuso nel mio monolocale e il tempo è trascorso facendo ginnastica e informandomi su quello che succedeva, in tv o attraverso internet, per fortuna ho internet! Sono stato molto tranquillo in quelle settimane, tanto che i miei vicini mi hanno detto che pensavano che non fossi neanche a casa! Nel frattempo, come me, altri miei colleghi si sono ammalati. Abbiamo preso praticamente tutti il Coronavirus! A lavorare è rimasto un quarto del personale. Chi ha lavorato in quel periodo mi ha raccontato degli anziani che si lamentavano per i dolori… I miei colleghi li vedevano e li sentivano soffrire e alla fine li hanno visti morire. È stata una tragedia. Quando sono tornato alla casa di riposo a inizio maggio, dopo aver fatto un tampone che è risultato negativo, la situazione che ho trovato era molto diversa da quella che avevo lasciato.

 

I cambiamenti al lavoro… Beh. Come prima cosa, quando sono rientrato più della metà degli ospiti non c’era più. Tornare e non trovare le persone a cui ti eri affezionato è stato doloroso, ho provato tanta nostalgia. Con gli anziani rimasti, invece, il lavoro è diventato molto più affettuoso di prima, perché durante le videochiamate con i parenti spesso si mettono a piangere, non capiscono perché non ricevono visite come prima e quindi hanno bisogno di molta più vicinanza emotiva. Adesso vedono noi operatori come i loro nipoti, fratelli, sorelle. Per quanto riguarda i dispositivi di protezione, dato che prima non li avevamo adesso sembriamo tutti degli astronauti! Siamo vestiti dalla testa ai piedi con delle tute che ci mettiamo quando arriviamo e teniamo per tutto l’orario lavorativo, dalle 7 alle 14. Non facciamo alcuna pausa, né per bere nè per mangiare, perchè ci hanno detto che ci dovremmo togliere le tute e poi rimetterle e questa operazione aumenta il rischio di contagio, quindi abbiamo paura. Per di più ci vogliono quindici minuti a spogliarsi e quindici minuti a rivestirsi! Insomma, non lo facciamo e per adesso va bene così, ma sono preoccupato per quando arriverà l’estate. Quelle tute sono politermiche e farà caldissimo. Io mi sento molto strano ad indossarle al posto della mia solita divisa, entrare nelle camere degli ospiti e farsi vedere così da loro è una cosa che mi pesa sul cuore. Loro spesso chiedono come mai siamo vestiti così e menzionano il coronavirus, noi cerchiamo di rassicurarli spiegando che lo facciamo per proteggerli, si calmano un pochino anche se tanti non capiscono e si deve avere molta pazienza.

 

Nei miei spostamenti non ho mai avuto problemi, ho sempre con me l’autocertificazione che mi hanno fornito in struttura e indosso sempre guanti e mascherina quando esco di casa. I poliziotti non mi hanno mai fermato, mi vedono e lo sanno che vado al lavoro secondo me. Loro sanno chi lavora e chi no e quando mi vedono mi lasciano andare via, anche perchè ho sempre avuto tutti i dispositivi con me.

 

Questa pandemia ha completamente cambiato la mia prospettiva di vita, sapere che tante persone sono morte e stanno morendo, tante stanno soffrendo per aver perso la mamma, il papà, lo zio…. ho capito che la salute è la cosa più importante e che bisogna sempre cercare di essere gentili con gli altri, accompagnare chi ha bisogno e dare sostegno morale e appoggio. Molti colleghi, già prima di questa esperienza, erano miei amici, andavamo a mangiare fuori una pizza ogni tanto, ma adesso siamo diventati molto più uniti di prima, siamo più comunicativi. Inoltre adesso condividiamo anche la preoccupazione per il futuro, perché se nella struttura siamo quasi più lavoratori che anziani cosa succederà? Prevediamo che la situazione diventerà grave, lavoreremo meno ore, qualcuno verrà mandato in ferie forzate, altri in cassa integrazione. La cosa ci preoccupa e questo ci ha unito molto. Non conosco nessuna associazione che fornisce degli aiuti, non saprei a chi rivolgermi. Ho sentito che ci potrebbero essere degli aiuti da parte dello stato, dei bonus, ma non ne so molto. Per adesso la mia situazione economica è stabile ma nel futuro non lo so, c’è tanta incertezza. Per adesso anche i miei famigliari stanno bene, non hanno avuto neanche loro problemi economici perché molti di loro, lavorando nei supermercati, non hanno mai smesso.

 

Con la fase due sento che dobbiamo stare sempre molto allerta, siamo noi a dover prevenire la diffusione del virus, che non si vede, non si sente, arriva e basta. Il governo ha fatto tante cose che non sono servite a contenere ma anzi, hanno aumentato ancora di più il contagio, sappiamo tutti quello che è accaduto nel Nord Italia… quindi io sono dell’idea che tutto dipende da noi, da come noi ci comportiamo, se tutti facciamo quello che si deve allora andremo avanti, altrimenti torneremo indietro. La tutela non la fa il governo ma la fa ognuno di noi, tocca a noi proteggerci, non dipende dal presidente. La cosa più importante è non abbassare la guardia, continuare a lottare, perché non sappiamo fino a quando durerà.

 

Quando è scoppiata la pandemia in Italia la mia famiglia in Perù era molto preoccupata per me e per tutta la parte di famiglia che vive qui. Ci hanno detto subito: “tornate, tornate!” ma io ho risposto loro che non potevo partire sia perché non c’erano i voli sia a causa del mio lavoro. A quel punto mi hanno chiamato tanti parenti: “curatevi, proteggetevi!”, erano tutti molto spaventati, e io, siccome sono l’unico che parla con tutti, ho cercato di tranquillizzarli. Questo è successo finchè il problema è stato circoscritto all’Italia ma ora che il coronavirus ha raggiunto il Perù e ci sono stati moltissimi casi anche lì diciamo che non trasmetto paura a loro e loro non la trasmettono a me. Per adesso hanno la quarantena fino alla fine di maggio poi vedremo. Un giorno mi piacerebbe tornare in Perù, sto costruendo una casa laggiù, l’Italia mi ha dato tutto e le sarò sempre grato ma la mia prima casa è il Perù.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Celia

Mi chiamo Celia, vengo dal Perù, sono arrivata in Italia alla fine degli anni Novanta quando...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Enasha

Mi chiamo Enasha e vengo dallo Sri Lanka. Sono arrivata in Italia quasi vent’anni fa grazie a...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gardenia

Mi chiamo Gardenia, ho quasi 60 anni e vengo dall’Ecuador. Sono qui in Italia da quasi vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Speranza

Mi chiamo Speranza, sono rumena e sono arrivata in Italia a metà degli anni 2000. Faccio la...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Linda

Mi chiamo Linda, sono albanese e vivo in Lazio da più di 20 anni. Ho 46 anni e due figli poco più...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Glenda

Mi chiamo Glenda vengo da El Salvador e sono qui da quasi 5 anni. Abito a Milano con mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ernesto

Mi chiamo Ernesto, sono di El Salvador e abito a Milano da sei anni. Ho anche una figlia che abita...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Hayman

Sono Hayman. Vengo dal sud dell’Egitto, da una città non grandissima, molto più piccola...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Karim

Mi chiamo Karim, ho 35 anni e sono egiziano. Vivo in Italia da quasi quindici anni e ho sempre...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana, vengo da El Salvador, sono arrivata in Italia circa quindici anni fa per cercare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Mi chiamo Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito e...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito in...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere

Prossimi eventi

  1. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Dicembre alle 0:00
  2. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    3 Dicembre alle 18:30 - 19:30