Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti anni in Lombardia. Recentemente mi sono trasferita nel Centro Italia per avvicinarmi al mio fidanzato. Lavoro come assistente alla poltrona in uno studio dentistico.

 

Avevo un contratto a tempo determinato che scadeva a fine marzo. Il mio datore di lavoro mi aveva detto, prima dell’emergenza, che mi avrebbe rinnovato il contratto perché era molto contento del mio lavoro. Però a causa del coronavirus non è riuscito a rinnovarmelo subito al momento della scadenza. Sono stata circa un mese senza lavoro perché lo studio è rimasto chiuso. Adesso parlando con il mio datore di lavoro sembra che mi rinnoverà il contratto per un anno. Inizierò a lavorare nei prossimi giorni. Sono sollevata perché non sapevo come sarebbe andata a finire.

 

Prima di trasferirmi lavoravo sempre come assistente alla poltrona. Avevo un contratto a tempo indeterminato. Quando ho scelto di spostarmi ho studiato bene la situazione e mi sono decisa solo quando ho trovato qualcosa qua. Ho aspettato molto prima di prendere la decisione.

 

Ho studiato per odontotecnico qua in Italia. Prima di trasferirmi, avevo fatto un anno di odontoiatria in Peru. Sono arrivata in Italia con mio fratello che avevo poco più di 20 anni. Qua c’era già mia mamma. Mio fratello non essendo ancora maggiorenne ha potuto arrivare tramite il ricongiungimento familiare, io con un contratto di lavoro fittizio. All’inizio pensavo che sarei rimasta poco tempo, poi però le cose sono cambiate e ho deciso di restare. Volevo riprendere l’università: ho provato il test di accesso a numero chiuso ma non sono riuscita ad entrare. Perciò ho fatto il corso di tre anni da odontotecnico. Finita la scuola ho iniziato a lavorare. Ho riprovato a fare il test d’ingresso anche in seguito ma non ci sono riuscita. Comunque sono contenta, ho trovato la mia strada. I pazienti mi danno soddisfazione e mi piace il mio lavoro. Con il tempo ho acquisito esperienza e sono diventata più sicura di me.

 

Il lockdown è stato una bella prova per me e il mio fidanzato. Era la prima volta che stavamo insieme 24 ore su 24. Siamo diversi, noi latini siamo più abituati a fare le cose all’ultimo momento, mentre gli italiani sono più abituati a programmare. Però ci vogliamo bene. Abitiamo in un appartamento non molto grande ma ci stiamo bene. Essendoci trasferiti da poco ci sono varie cose ancora da allestire, ma avevamo l’essenziale, per cui non mi posso lamentare.

 

Essendo stata più di un mese senza lavoro, ho fatto la richiesta per la disoccupazione verso fine aprile, perché non sapevo come sarebbe andata la cosa. Ancora non mi è arrivata. Per fortuna non avevo mai dovuto chiedere la disoccupazione prima. Ho fatto molti lavori in passato ma non sono mai rimasta disoccupata a lungo. Per compilare la richiesta mi sono rivolta all’Acli tramite lo sportello telefonico. Ho avuto un po’ di difficoltà all’inizio per prendere la linea perché c’erano moltissime persone che chiamavano. Mi hanno detto di mandare i documenti per email e hanno fatto tutto loro. Mi è arrivato il messaggio dell’INPS che mi confermava che la pratica era partita.

 

Dal punto di vista economico questo stop di un mese mi ha creato un po’ di difficoltà, perché comunque ho delle spese fisse tipo l’assicurazione della macchina. Poi aiuto mia mamma che è tornata in Perù. Sono fortunata perché vivo con il mio compagno e insieme ce la facciamo. Lui fa l’avvocato. Durante il lockdown non ha potuto concludere i lavori che aveva in corso perché i tribunali sono stati chiusi. Anche lui ha richiesto i 600 euro per i liberi professionisti ma non gli sono ancora arrivati…

 

Per quanto riguarda la salute, fortunatamente non ho avuto persone malate di Covid vicino a me. Però ho paura per mio fratello che lavora in una RSA. Là sono tutti infettati! Lui si è fatto qualche giorno di malattia perché pensava di aver preso il virus. Ha fatto il tampone ma era negativo, ed è rientrato a lavorare. All’inizio dell’emergenza erano senza i dispositivi di protezione adeguati. Con i colleghi si sono lamentati e hanno protestato minacciando la denuncia. A quel punto hanno fornito le mascherine. Mi ha detto che tra i suoi colleghi ci sono stati vari positivi…

 

Dal punto di vista dei documenti non ho avuto problemi perché ho la cittadinanza dal 2015. Mia mamma si è sempre interessata a queste questioni e ci ha inculcato questa cosa. Ho amici che sono da tanto tempo qua ma non hanno ancora richiesto la cittadinanza! Mi ritengo fortunata perché da quando ho avuto il contratto a tempo indeterminato non ho mai avuto problemi a rinnovare il permesso di soggiorno.  I primi anni che stavo in Italia ricordo che anche per cercare lavoro spesso mi chiedevano la cittadinanza!

 

Durante la fase 1 siamo stati molto attenti, ci siamo chiusi in casa da subito e uscivamo solo per fare la spesa. Il mio compagno usciva solo se aveva bisogno di documenti in studio perché comunque poteva gestire tutto da casa. I miei suoceri sono anziani e avevamo paura per loro. Quando ci hanno fatto uscire abbiamo fatto dei giri ma sempre qua nei dintorni. Siamo fortunati perché abbiamo il supermercato vicinissimo, ci siamo spostati pochissimo. Siamo stati fermati dalla polizia proprio qua sotto, ma non abbiamo avuto nessun problema.

 

Per questa fase 2 mi sento fortunata perché lavoro molto vicino a casa, sono 3 minuti in macchina. Non usandola mi si è scaricata la batteria ma a parte quello posso arrivarci anche a piedi. Non devo prendere i mezzi. Per quanto riguarda il rientro al lavoro, non so in che modo le misure di sicurezza saranno applicate. Ho visto che i dispositivi che dovremo usare sono costosi per il datore di lavoro. Non so se riusciremo a fare tutti i cambi necessari. Non so se mi sento tutelata, ma siamo tutti un po’ spaventati perché siamo a contatto diretto con mucose, saliva, etc. Useremo tutte le protezioni, doppia mascherina, le visiere fino al collo, le tute…. Settimana prossima saprò meglio come ci organizzeremo.

 

La mia famiglia in Perù sta bene, non abbiamo avuto contagiati. Stanno seguendo la quarantena e si sono chiusi in casa. Della mia famiglia stretta ho solo mia madre e il compagno. Loro sono a rischio perché mia mamma soffre di ipotiroidismo e il compagno è diabetico. Quindi si sono chiusi in casa e escono solo per fare la spesa.  Però la gente non capisce che deve stare a casa… Anche se capisco le persone che se non lavorano non guadagnano, o muori di coronavirus o muori di fame. Mio cugino ad esempio lavora in un grande supermercato. Hanno licenziato tantissime persone nella loro azienda, e a molti altri non hanno rinnovato il contratto. A chi è rimasto hanno abbassato moltissimo lo stipendio. Mi parlava di questa legge per la quale puoi scegliere se continuare a lavorare ma con lo stipendio ridotto oppure stare 3 mesi a casa senza stipendio… Ho pensato che qua nonostante tutto siamo più tutelati. Da una parte mi sono sentita bene, se fossi stata là non saprei in che condizioni mi sarei trovata.

 

In Perù abbiamo tante materie prime ma abbiamo solo imprese straniere che ci sfruttano nel nostro paese. Inoltre, non c’è un censimento delle persone che hanno bisogno di aiuti economici. Ci sono persone che non hanno bisogno ma hanno ricevuto il contributo di 380 soles, meno di 100 euro, mentre chi ha bisogno veramente non ha avuto niente. Mi sento impotente perché non riesco a fare nulla. Parlo spesso con le mie cugine in Perù e le sollecito ad impegnarsi a fare qualcosa per cambiare la situazione perché non possiamo andare avanti così.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Celia

Mi chiamo Celia, vengo dal Perù, sono arrivata in Italia alla fine degli anni Novanta quando...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Enasha

Mi chiamo Enasha e vengo dallo Sri Lanka. Sono arrivata in Italia quasi vent’anni fa grazie a...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gardenia

Mi chiamo Gardenia, ho quasi 60 anni e vengo dall’Ecuador. Sono qui in Italia da quasi vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Speranza

Mi chiamo Speranza, sono rumena e sono arrivata in Italia a metà degli anni 2000. Faccio la...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Linda

Mi chiamo Linda, sono albanese e vivo in Lazio da più di 20 anni. Ho 46 anni e due figli poco più...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Glenda

Mi chiamo Glenda vengo da El Salvador e sono qui da quasi 5 anni. Abito a Milano con mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ernesto

Mi chiamo Ernesto, sono di El Salvador e abito a Milano da sei anni. Ho anche una figlia che abita...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Hayman

Sono Hayman. Vengo dal sud dell’Egitto, da una città non grandissima, molto più piccola...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Karim

Mi chiamo Karim, ho 35 anni e sono egiziano. Vivo in Italia da quasi quindici anni e ho sempre...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana, vengo da El Salvador, sono arrivata in Italia circa quindici anni fa per cercare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Mi chiamo Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito e...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito in...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere

Prossimi eventi

  1. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Novembre alle 0:00
  2. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    5 Novembre alle 18:30 - 19:30
  3. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Dicembre alle 0:00
  4. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    3 Dicembre alle 18:30 - 19:30