Voci Migranti ai tempi dell’emergenza del Corona Virus

La Voce di Lupo

Mi chiamo Lupo, vengo dal Perú, abito in centro a Milano da dieci anni.

La mia vita era abbastanza bella perché avevo un lavoro a Milano con il quale potevo pagarmi gli studi serali e le mie spese quotidiane. Stavo abbastanza bene, non era la migliore delle situazioni da un punto di vista economico ma potevo gestire e pagare le cose necessarie.

Lavoravo dal lunedì al venerdì e ogni tanto anche nei weekend quindi ero molto libero e avevo la libertà di andare a trovare gli amici, di fare delle gite fuori Milano o altrove. Lavoravo e poi a mezzanotte finivo di studiare.

Avevo un contratto part time in un laboratorio di cucina, preparavo cose da mangiare per i servizi di catering e quando non c’era niente da fare nel laboratorio preparavo altre cose nelle case private. La sera andavo a seguire le lezioni di cucina, voglio diventare uno chef, è questa la mia idea per poi poter cambiare tipo di lavoro e anche andare via in un altro paese.

Dal momento che siamo entrati in quarantena non ho più potuto continuare a lavorare. Il mio datore di lavoro è andato in montagna. I primi giorni a casa ero un po’ spaventato come tutti, mai nella mia vita avevo vissuto una situazione del genere. Ho visto qualche film dove facevano vedere delle tragedie simili, cose che mai avrei pensato fossero vere, questo coronavirus rimarrà nella storia del mondo.

Ero spaventato, mi dicevo che dovevo avere pazienza perché altre persone non ne avevano avuta e sono state male. Ho usato i miei risparmi per fare la spesa. Sono rimasto a casa, preoccupato, perché non sapevo quando sarebbe finita questa situazione.

Per fortuna condivido un monolocale con un altro ragazzo peruviano. È un bravo ragazzo e stiamo bene, abbiamo un buon rapporto di amicizia, in questa situazione devo dire che è andata bene. Ho sentito che altre persone hanno avuto problemi mentali e sono dovute andare dallo psicologo.

Ho riflettuto sulla mia situazione personale che non è molto complicata. Pensavo alle persone che stavano lavorando negli ospedali, ogni giorno, e a quelle che purtroppo morivano, mi dispiaceva per loro. Cercavo di riflettere e di essere consapevole e pensavo a queste persone, a coloro che stavano lavorando nelle banche, nelle farmacie e nei supermercati, mi dispiaceva per loro.

Io invece sono stato a casa senza fare nulla. Mi hanno proposto di proseguire le lezioni del corso di cucina online, tutti gli altri della mia classe erano d’accordo, io invece no. Tutti dicevano che andava bene fare le ricette che proponeva lo chef che ci mandava l’elenco degli ingredienti da comprare. Io per rispetto di coloro che lavoravano nei supermercati e di chi era in difficoltà ho detto che non volevo farlo.

La mia grande paura è di non ritornare più al lavoro. Non si sa quando riapriranno i ristoranti o le ditte che si occupano del settore alimentare e non so se mi pagheranno questo mese. Questa è la mia più grande preoccupazione. Se così fosse diventerebbe difficile per me perché non ho pagato l’affitto del mese scorso.

Ho un amico, uno dei miei migliori amici, anche lui lavora nel settore della ristorazione, mi ha raccontato che il suo capo dopo 15 giorni di aver presso il Coronavirus è morto. È stata una brutta storia! Ho conosciuto un altro ragazzo che aveva due amici con i quali si trovava a giocare a calcetto, questi due amici lavoravano nel settore ospedaliero come OSS, erano sudamericani, sono morti. Un’altra storia che ho sentito è quella di una persona che conosco benissimo, ha più di 50 anni, è molto grasso, non ha i documenti e viene dal Perú, non lo sentivo da un po’, mi ha mandato un messaggio in cui diceva: sto bene, scusa se non mi sono fatto sentire, ma sono stato contagiato dal Coronavirus, sono stato 10 giorni in terapia intensiva, mi è mancato poco per morire ma ora sono salvo, a casa, devo fare ancora due tamponi per essere finalmente guarito. Grazie a Dio si è salvato!

Per fortuna non è successo niente a nessuno della mia famiglia, ho due cugini in Italia. Se mi ammalassi, ho il medico di base, so i numeri a cui devo rivolgermi, loro mi diranno cosa fare.

Sono preoccupato perché a maggio dovrei fare la pratica della dichiarazione dei redditi, non so ancora se la potrò fare, ho dei debiti che avrei dovuto pagare dall’anno scorso, non so se gli uffici di posta Italiana sono aperti. Per fortuna sono a posto con il mio permesso di soggiorno, non devo rinnovarlo in questi mesi.

In questa situazione ognuno fa come li pare, ci sono persone che rispettano le indicazioni e altre che invece non si preoccupano di niente. Io esco ogni 15 giorni, faccio una grossa spesa e prendo le precauzioni necessarie. Secondo me per fare la spesa non serve la autocertificazione, basta dire che stai andando a far la spesa.

Ho sentito dire che lo Stato sta aiutando i lavoratori autonomi, ma secondo me non hanno ancora ricevuto niente. Ho sentito anche che chi aveva un contratto di lavoro è stato messo in cassa integrazione. Ma poi ci sono le persone che lavoravano in nero, loro stanno peggio di noi, perché non ricevono niente. Lo Stato in realtà non sta aiutando chi ne avrebbe veramente bisogno. Secondo me sarà difficile che aiuti i lavoratori in nero perché gli italiani non saranno d’accordo, sarà qualcosa che farà discutere molto.

Quando ho bisogno di informarmi sui miei diritti come lavoratore mi reco a uno dei CAF in cui sono iscritto, loro mi danno le informazioni che mi servono.

La mia famiglia in Perú per fortuna sta bene pero anche là la situazione è molto preoccupante, ogni giorno aumenta il numero di persone contagiate. Là non è come qui in Italia, le cose non sono così organizzate. La situazione è molto difficile e preoccupante.

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Kwame

Mi chiamo Kwame e vengo dal Ghana. Sono arrivato in Italia quattro anni fa per studiare all’università...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lissa

Mi chiamo Lissa, sono brasiliana e ho 27 anni. Mi sono trasferita in Italia circa 2 anni per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Wendy

Sono Wendy e vengo dal Perù. Sono arrivata in Italia una decina di anni fa per raggiungere...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Asllan

Mi chiamo Asllan e vengo dall’Albania. Ho cinquant’anni, da trenta vivo in Italia e da venti a Pavia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Diana

Sono Diana e vengo dalla Romania, ma ormai da tanti anni mi trovo in Italia per lavoro. Sono arrivata...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lupo

Mi chiamo Lupo, vengo dal Perú, abito in centro a Milano da dieci anni. La mia vita era...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Laura

Mi chiamo Laura, vengo da El Salvador. Abito a Milano da tre anni e lavoro come badante...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Celia

Mi chiamo Celia, vengo dal Perù, sono arrivata in Italia alla fine degli anni Novanta quando...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Enasha

Mi chiamo Enasha e vengo dallo Sri Lanka. Sono arrivata in Italia quasi vent’anni fa grazie a...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gardenia

Mi chiamo Gardenia, ho quasi 60 anni e vengo dall’Ecuador. Sono qui in Italia da quasi vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Speranza

Mi chiamo Speranza, sono rumena e sono arrivata in Italia a metà degli anni 2000. Faccio la...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Linda

Mi chiamo Linda, sono albanese e vivo in Lazio da più di 20 anni. Ho 46 anni e due figli poco più...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Glenda

Mi chiamo Glenda vengo da El Salvador e sono qui da quasi 5 anni. Abito a Milano con mio marito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ernesto

Mi chiamo Ernesto, sono di El Salvador e abito a Milano da sei anni. Ho anche una figlia che abita...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Hayman

Sono Hayman. Vengo dal sud dell’Egitto, da una città non grandissima, molto più piccola...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Luna

Mi chiamo Luna. Sono una ragazza peruviana che vive in Italia da quasi 20 anni. Ho vissuto tanti...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Lalo

Mi chiamo Lalo e vengo da una città in Perù in cui c’è tanto sole. Ho una famiglia numerosissima...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Karim

Mi chiamo Karim, ho 35 anni e sono egiziano. Vivo in Italia da quasi quindici anni e ho sempre...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Tatiana

Mi chiamo Tatiana, vengo da El Salvador, sono arrivata in Italia circa quindici anni fa per cercare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono sposata. Vengo dall’Ecuador e sono in Italia da tanti anni. All’inizio abbiamo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Amira

Mi chiamo Amira. Sono tunisina. Abito in Italia da una decina d’anni insieme a mia figlia. Lavoro nel settore...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Adriana

Mi chiamo Adriana, vengo dall’Ecuador e sono in Italia da quasi dieci anni. Abito a Milano in un...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Baobab

Mi chiamo Baobab, sono un giovane ragazzo maliano e vivo in Italia da non molti anni. Quando sono...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jhon

Mi chiamo Jhon, sono peruviano e sono da circa due anni in Italia. Ho fatto tanti lavori, prima che...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ricardo

Mi chiamo Ricardo, sono ecuadoregno e sono in Italia da più di vent’anni. Sono un operatore sociosan...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Vicky

Mi chiamo Vicky, sono nata in Uruguay. Faccio la tata, la babysitter, la colf, le pulizie, di tutto un po’...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Gioia

Mi chiamo Gioia, vengo dalla Nigeria, vivo con mio marito ed i miei figli. Sono in Italia da oltre vent’anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Jamila

Mi chiamo Jamila, sono africana e sono arrivata in Italia più di quindici anni fa. Sono venuta per fare...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Ana

Mi chiamo Ana, vengo dall’Ecuador e sono da più di 20 anni in Italia. Lavoro in una RSA come operatrice...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Doris

Mi chiamo Doris e vengo dal Perú. Sono in Italia da oltre 20 anni. Abito insieme ai miei due figli e pochi...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Silvia

Mi chiamo Silvia, sono peruviana. Sono in Italia sin dagli anni 90. Lavoro nel campo sanitario da più di...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Emilio

Mi chiamo Emilio, sono arrivato a Milano 6 anni fa dalla Colombia. Nel mio Paese, dopo aver frequentato...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Viviana

Mi chiamo Viviana, sono ecuadoregna, vivo in Italia da oltre 15 anni. Sono venuta insieme a mio marito e...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fior di Loto

Mi chiamo Fior di Loto sono una studentessa-lavoratrice. Provengo da El Salvador e abito...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Liliana

Sono Liliana, sono un’infermiera peruviana e sono arrivata in Italia da più di una decina di anni...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Angelica

Mi chiamo Angelica. Sono interprete e mediatrice linguistica e culturale, mamma e casalinga. Sono....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Fernando

Mi chiamo Fernando, sono Architetto e vengo dalla Colombia.  Sono in Italia da 21 anni e vivo da solo...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Maria

Mi chiamo Maria, sono peruviana. Sono arrivata in Italia 20 anni fa. Ho tre bambini piccoli. Sono tutti nati....

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Marcia

Mi chiamo Marcia, sono peruviana e faccio la mediatrice linguistica culturale. Sono arrivata in Italia...

Continua a leggere

Voci Migranti ai tempi del Corona Virus

La Voce di Giovanna

Sono Giovanna, vengo dal Perú, sono arrivata qui quando avevo 19 anni, ora ne ho 46, quindi sono la...

Continua a leggere

Prossimi eventi

  1. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    6 Maggio alle 18:30 - 19:30
  2. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Giugno alle 0:00
  3. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    3 Giugno alle 18:30 - 19:30
  4. www.missingattheborders.org
    Persone non numeri!

    1 Luglio alle 0:00
  5. La Marcia dei Nuovi Desaparecidos

    1 Luglio alle 18:30 - 19:30